Addestramento cani: la Pro Segugio di Brescia risponde a Federcaccia

Di seguito pubblichiamo il comunicato stampa che la Pro Segugio di Brescia ci ha trasmesso in merito all’addestramento cani. Un documento che plaude al lavoro dei consiglieri regionali Rolfi e Anelli e nel quale si specificano alcune necessità.

Addestramento cani: botta e risposta tra FIDC e Pro Segugio Brescia

Abbiamo letto con attenzione il dettagliato articolo apparso nella rubrica cacciapensieri (giornale di Brescia giovedì 04 gennaio) a cura di Federcaccia Brescia dove si espongono le ragioni del dissenso nei confronti dell’ultimo emendamento all’art.51 della legge di bilancio regione Lombardia, emendamento presentato dai consiglieri Anelli e Rolfi. L’articolo in questione presumerebbe da parte dei legislatori una totale tolleranza, citiamo testualmente, all’addestramento cani nelle zra e zrc. A detta dell’estensore dell’articolo pare intollerabile l’addestramento dei cani nelle zone deputate alla riproduzione di selvaggina ecc..ecc..

 È pleonastico il dire che noi siamo assolutamente consapevoli del rispetto dovuto alla selvaggina e convinti fautori della tutela e salvaguardia sul nostro territorio della specie lepre che noi sappiamo essere in difficoltà nelle aree riproduttive, altro è l’atteggiamento persecutorio nei confronti di una sola categoria di cani, ci riferiamo ai segugi che per definizione sono adusi ad inseguire animali che percorrono anche tratti di considerevole distanza, che a volte portano involontariamente all’interno di zra o zrc.

 L’emendamento non ha cancellato le sanzioni , che rimangono comunque, a nostro avviso giuste ma ecessive, assolutamente inaccettabile era la sospensione, a fronte della recidiva, del tesserino venatorio per un anno, che un’attenta valutazione da parte dei legislatori ha consentito l’abrogazione di una norma anacronistica e assolutamente vessatoria nei confronti di onesti cittadini

 È di tutta evidenza che l’inasprimento delle sanzioni sia rimasto nella efficacia voluta dai promotori. 

segugio italiano a pelo raso

Cogliamo l’occasione per portare all’attenzione di tutte le associazioni venatorie la urgente necessità, anche a seguito della norme di cui sopra, della costituzione di zone ampie e adatte nonsolo all’addestramento ma anche all’allenamento dei cani per due ragioni, la prima perché i cani possano usufruire di periodi e di luoghi dove poter esprimere le loro capacità anche nei periodi di caccia chiusa, la seconda, così da consentire agli appassionati di poter gratificare la loro passione anche senza il fucile.

 Ribadiamo il nostro plauso ai legislatori Rolfi e Anelli che hanno voluto prestare orecchio alle nostre osservazioni e che hanno recepito mostrando civiltà e lungimiranza.

La Pro Segugio di Brescia è disponibile a incontrare chiunque voglia adoperarsi per la realizzazione di quanto sopra esp0sto

 

ProSegugio Brescia

Condividi l'articolo sui social!

2 Commenti

  • Filippo Grumi

    Quando la toppa è peggio del buco.

  • Raul

    Sono cacciatore con cane da ferma, preciso subito. Dovreste gentilmente spiegarmi se non sarebbe possibile contenere il numero degli ausiliari(segugi).I tesserini di MN e CR recitano così:1 cacciatore 6 cani, 2cacc.6 cani, 3 cacc.6 cani.Non vi sembra esagerato? Poi i carnieri sono esagerati, ve lo garantisco, parlo a ragion veduta sia a MN che a CR. Grazie e saluti.

Lascia un commento

required

required

optional


Un Azienda nel mirino Fratelli Poli Armi

L’antica arte dell’armaiolo in questo video di Caccia & Dintorni dedicato alla Fratelli Poli Armi. Un’azienda nata negli anni sessanta e che ancora oggi produce fucili da caccia di grande valore in maniera artigianale. Un esempio di azienda a conduzione familiare che ha saputo stare al passo con i tempi senza perdere di vista le proprie radici. Proprio lo scorso […]

Caccia al tordo in Franciacorta con i piccoli calibri.

Caccia al tordo: una tradizione lombarda L’uso dei richiami vivi e la passione per la “posta”    Ecco un video che testimonia una delle tradizioni venatorie maggiormente radicate in Lombardia: la caccia da appostamento fisso. Una passione tramandata di padre in figlio che i due giovani protagonisti, Ivan e Bruno, coltivano ancora nonostante tutti i vincoli e paletti a cui […]

18° Esposizione canina a Castelmella (BS)

18° Esposizione canina a Castelmella (BS) – Anche quest’anno è stata organizzata questa manifestazione dedicata a tutte le razze che non ha mancato di richiamare moltissimi appassionati conofili e non. Una manifestazione organizzata dalla Federcaccia di Castelmella che ha devoluto in beneficenza l’incasso della serata dedicata allo spiedo. Condividi l’articolo sui social!

BERETTI caccia e cinofilia

  Beretti festeggia il 30° anno di attività- Richiami elettroacustici di ogni tipo con canti selezionati per attività all’aperto- beeper con 17 modulazioni di suono, gabbiette per richiami, trasportini omologati, videotrappolaggio ecc . Con questo video vi portiamo nel mondo di BERETTI …tutto per la ccaccia e per la cinofilia. Condividi l’articolo sui social!