ACL e ANUU insieme a presidiare la Regione Lombardia

ACL e ANUU questa mattina uniti per presidiare la Regione

Dopo aver atteso invano i vari “tavoli caccia” le doppiette lombarde si sono mosse autonomamente

Un presidio di protesta contro l’assessore Fava e la mancata volontà politica – “Vogliamo risposte certe prima delle elezioni di primavera”.

ACL e ANUU – Circa 200 cacciatori provenienti da Brescia e Bergamo hanno presidiato civilmente questa mattina l’ingresso della Regione Lombardia, davanti al portone dove, essendo giornata di Consiglio,  sono transitati  i consiglieri regionali di maggioranza e opposizione.  Una protesta che giunge tardiva nel tempo, a stagione venatoria inoltrata, ma che intende rimarcare il disappunto di tutta una categoria per l’assoluta immobilità politica di fronte alla questione venatoria in una regione che conta oltre 70mila cacciatori e vanta le radici più profonde delle cacce tradizionali: quelle da appostamento fisso con l’utilizzo dei richiami vivi.

Per il 6° anno consecutivo, rimpallandosi la palla da Bruxelles a Roma  e fino al Pirellone, non si è provveduto a nessuna delibera per il prelievo in deroga e la chiusura dei roccoli, ovvero le catture dei richiami vivi (tordi-sasselli e cesene) ha messo in ginocchio gli appassionati di questa tipologia di caccia favorendo così i commercianti che hanno portato i prezzi alle stelle e il mercato nero.

Verso le 11,30 di questa mattina una delegazione di ACL e Anuu Migratoristi sono stati ricevuti  da un gruppo di consiglieri tra cui Viviana Beccalossi (Fratelli d’Italia)) , Fabio Rolfi (Lega) , Roberto Anelli (Lega) , Gianantonio Girelli (PD), Mario Barboni (PD), Francesco Dotti (Fratelli d’Italia), Angelo Capelli (Alternativa Popolare) e Lara Magoni (Maroni Presidente).

Al tavolo con i rappresentati politici i dirigenti dell’ AnuuMigratoristi e di ACL  che hanno sciorinato una ad una tutte le questioni aperte, compresa quella irrisolta della segnatura immediata sul tesserino dei capi abbattuti e di una banca dati resa obligatoria a suo tempo ma che ora non serve più a nulla. 

Ancora una volta si è registrata la disponibilità verso il mondo venatorio con la solidarietà dei politici presenti ma come sempre alle promesse e alle “pacche sulle spallenon fa e non farà seguito nulla di concreto.   

E’ stato il consigliere Fabio Rolfi ( Lega) ha chiarire però sulle difficoltà esistenti in tema di prelievo in deroga ponendo sul piatto tutta la serie di veti che impediscono di emanare una “delibera” blindata e inattaccabile. Meno credibile la questione esposta sulle motivazioni per cui non si sono attivati gl‘impianti di cattura.

 

ACL e ANUU per la prima volta insieme

Di certo quella di ACL e ANUU, per la prima volta insieme e unite dallo stesso intento, non è stata una scampagnata alla “pane e salame” come ironicamente qualcuno l’ha voluta definire, ma una forma di protesta vera nella quale si è messo in discussione il ruolo dell’Assessore Gianni Fava e del suo staff dirigenziale composto da burocrati, oltre che di una mancata volontà politica collettiva. “La caccia”  -è anche stato detto – “non è e non deve essere merce di scambio in periodo referendario (M5S  … ecc)  e i cacciatori meritano maggiore rispetto e considerazione”.

“Sappiamo bene che è tardi per manifestare e presidiare la Regione su questi temi” ci ha detto Carlo Bravo presidente regionale di ACL -” ma non abbiamo voluto procedere prima perchè c’era sempre la speranza che qualcosa potesse cambiare, anche per via del Referendum dello scorso mese, e anche perchè per l’appunto non volevamo passare per ricattatori o sabotatori dello stesso Referendum. Oggi però siamo stanchi di aspettare e vogliamo risposte certe prima che qui in Regione si abbassi la serranda per le nuove elezioni regionali di primavera”.

“L’incontro di per sè è stato positivo -ci ha confermato Domenico Grandini presidente regionale Anuu – per via di presenze con cui ci siamo confrontati e per il fatto che abbiamo potuto esporre tutte le nostre problematiche e il disappunto.  Per il resto – sempre Grandini – resta la delusione perchè ci sentiamo abbandonati e bistrattati.  Abbiamo esposto, e lo ha voluto sapere l’assessore Beccalossi che riferirà al Governatore Maroni,  anche  le differenze venatorie  regionali tra Lombardia e Veneto ( allodola, combattente e giornate integrative ndr) dove risulta chiaro  che a noi è toccato il 50% in meno pur essendo italiani a tutti gli effetti”.

 

Caccia & Dintorni – la redazione

 

 

 

 

Condividi l'articolo sui social!

2 Commenti

  • MARCO

    Strano che l’assessore Fava non abbia fatto parte del gruppo dei consiglieri regionali che ha incontrato la delegazione, quanto meno per dare un aggiornamento sulla situazione generale e per guardare in faccia le persone a cui lo scorso 31 luglio era stato detto che i presidenti Maroni, Toti, Zaia, Rossi e Bonaccini dovevano concordare dopo le ferie un incontro con il Ministro Galletti e con il “tavolo caccia” per affrontare tutti insieme la questione.
    La politica ha le gambre corte!!!!

  • Ferdinando Ratti

    Spero che non sia l’ennesima presa per il fondoschiena, operata dalla regione Lombardia nei confronti dei cacciatori lombardi!!!

Lascia un commento

required

required

optional


Caccia da campo alle anatre

Caccia da campo alle anatre

Caccia da campo alle anatre Caccia e Dintorni in questa puntata è ospite di Elia e Marco, due giovani cacciatori esperti nella caccia agli acquatici, che ci hanno accompagnato in questa battuta di caccia da campo alle anatre. Iniziamo con il posizionamento dei richiami vivi, che sono importanti per ravvivare il campo e per la resa della battuta. Il nostro […]

Un Azienda nel mirino Fratelli Poli Armi

L’antica arte dell’armaiolo in questo video di Caccia & Dintorni dedicato alla Fratelli Poli Armi. Un’azienda nata negli anni sessanta e che ancora oggi produce fucili da caccia di grande valore in maniera artigianale. Un esempio di azienda a conduzione familiare che ha saputo stare al passo con i tempi senza perdere di vista le proprie radici. Proprio lo scorso […]

Caccia al tordo in Franciacorta con i piccoli calibri.

Caccia al tordo: una tradizione lombarda L’uso dei richiami vivi e la passione per la “posta”    Ecco un video che testimonia una delle tradizioni venatorie maggiormente radicate in Lombardia: la caccia da appostamento fisso. Una passione tramandata di padre in figlio che i due giovani protagonisti, Ivan e Bruno, coltivano ancora nonostante tutti i vincoli e paletti a cui […]

18° Esposizione canina a Castelmella (BS)

18° Esposizione canina a Castelmella (BS) – Anche quest’anno è stata organizzata questa manifestazione dedicata a tutte le razze che non ha mancato di richiamare moltissimi appassionati conofili e non. Una manifestazione organizzata dalla Federcaccia di Castelmella che ha devoluto in beneficenza l’incasso della serata dedicata allo spiedo. Condividi l’articolo sui social!