Emilia Romagna : “contro gli attacchi dei lupi piani selettivi di abbattimento”

 Emilia Romagna – LUPI : SI MOLTIPLICANO GLI ATTACCHI. LA LEGA ROMPE GLI INDUGI E SOLLECITA LA REGIONE “OCCORRONO  PIANI SELETTIVI DI ABBATTIMENTO SUGLI IBRIDI”

Torna prepotentemente di attualità la questione  “lupi” . Anche in Romagna si sollecita una presa di posizione seria per arginare la pericolosità e la moria di bestiame causata dalla presenza del lupo. Se da una parte lo si deve tutelare e salvaguardare, dall’altra bisogna prenderne  coscienza e intervenire attraverso un piano di contenimento serio e incisivo. Un problema, quello della sempre più invasiva presenza del lupo, che tocca molte regioni d’Italia.

Emilia Romagna – Da tempo, sulle colline del cesenati, si verificano  ripetuti attacchi a diverse specie di animali  e questo punto il consigliere regionale della Lega Nord, Massimiliano Pompignoli, relatore di minoranza del Piano Faunistico Venatorio 2018-2023, rompe gl’indugi  su quella che è la gestione del lupo e degli ibridi: “Siamo di fronte a un fenomeno fuori controllo che rischia di degenerare in una vera e propria emergenza.  Fino a qualche anno fa gli esemplari di lupo appenninico si contavano sulle dita di una mano e restavano confinati in ‘oasi’ naturali lontano dagli insediamenti abitativi e dai pascoli di campagna, oggi la situazione è radicalmente mutata e quelli che un tempo erano sporadici avvistamenti, sono diventate pericolose incursioni. È per questo motivo che la Regione Emilia Romagna deve prendere coscienza del pericolo che sta maturando sulle nostre colline e intervenire per gradi, attraverso un preciso sistema di mappatura della specie e con metodi di contenimento e neutralizzazione degli esemplari più aggressivi.  Se è vero che il lupo deve essere tutelato nella sua forma primordiale e salvaguardato dalla minaccia di estinzione, è altrettanto vero che non possiamo non prendere atto della violenza di alcuni attacchi e del rischio a cui è sottoposto il bestiame domestico e gli ungulati selvatici.”

Emilia Romagna – Il consigliere della Lega Nord, intervenuto pochi giorni fa ad un incontro sull’impatto del lupo nella catena alimentare dell’appennino tosco emiliano, non ha dubbi sulle azioni che la Giunta regionale deve mettere in campo per scongiurare il peggio. adottando  politiche mirate  di sterilizzazione e abbattimento selettivo degli ibridi, che rappresentano la minaccia vera e propria alla conservazione del lupo e a quella delle altre specie domestiche. Su base regionale, l’obiettivo di lungo termine non può che essere l’azzeramento dell’ibridazione. 

C&D


.

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Un veterinario per amico : lafattrice gravida

Un veterinario per amico Un veterinario per amico – la fattrice gravida. In questa nuova puntata il dott. Amedeo Ghilardi – veterinario – parla dell’accoppiamento, della gestazione e del parto della fattrice. Consigli e accorgimenti per il benessere dei nostri cani, da caccia o da compagnia. Condividi l’articolo sui social!

FIDC Brescia Premiazioni stagione agonistica 2018

FIDC Brescia Premiazioni   FIDC Brescia Premiazioni stagione agonistica 2018 – una serata all’insegna della cinofilia – La Federcaccia di Brescia ha premiato i migliori concorrenti delle prove cinofile stagione 2018 di tutte le categorie : inglesi, continentali, ferma, cerca, coppie, singoli e a squadre. Nel video il nostro servizio dedicato a questa bellissima serata. Condividi l’articolo sui social!

GEMINI WINSHOOT – gli strozzatori !

GEMINI WINSHOOT – gli strozzatori ! GEMINI WINSHOOT – gli strozzatori ! – Caccia & Dintorni ha dedicato questo video – Un azienda nel Mirino – alla Gemini di Botticino, azienda leader europea nel settore degli strozzatori per fucili da caccia e da tiro. Giovanni Grassi ci ha introdotto in questo fantastico mondo che attraverso l’utilizzo degli strozzatori, esterni o […]

Ambito Unico Brescia E’ Sala il nuovo Presidente

Ambito Unico Brescia E’ Sala il nuovo Presidente – Caccia & Dintorni ha intervistato il nuovo presidente dell’ ATC più grande d’Italia. Essere uniti, creare ambiente e fare gestione seria – queste le priorità dell’immediato. Fondamentale il dialogo con il mondo agricolo.   Condividi l’articolo sui social!