Città metropolitana – INTERROGAZIONE IN REGIONE GUARDIE ITTICO VENATORIE

Guardie Ittico-Venatorie

Il comunicato della consigliera Barbara Mazzali –

Città Metrppolitana

MILANO CITTA’ METROPOLITANA

CITTA’ METROPOLITANA , MAZZALI (FDI) PRESENTATA INTERROGAZIONE IN REGIONE PER AVERE CHIARIMENTI SU RUOLO ITTICO VENATORIE

La situazione delle guardie ittico-venatorie di Città Metropolitana va chiarita” – La consigliera Barbara Mazzali ha presentato  un’interrogazione in Regione Lombardia chiedendo All’assessore se non ritenga opportuno intervenire con chiarezza sulla questione e se non ritenga essenziale e non più rinviabile attivarsi per la conservazione della qualifica di cui sono titolari gli addetti alla vigilanza ittico-venatoria operanti nel territorio della Città’ metropolitana di Milano.
La vigilanza venatoria è funzione che discende da una norma nazionale, che riconosce ai soggetti preposti la qualifica di agenti di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza e per questo possono portare durante il servizio le armi da caccia e quelle con proiettili a narcotico. Dopo della nascita delle Città metropolitane è stato pianificato un processo di radicale cambiamento di un sistema consolidato nel tempo, che non poteva non avere significative conseguenze sul piano dell’attribuzione delle competenze.
La funzione della vigilanza ittico-venatoria ha continuato a essere svolta da tutte le province, mentre la Città metropolitana di Milano ha assunto una decisione diversa. Regione Lombardia aveva stipulato con la Città metropolitana un’apposita convenzione, con la quale si impegnava a retribuire un certo numero di agenti per garantire la vigilanza ittico-venatoria, ma successivamente il Consiglio metropolitano di Milano ha sancito la soppressione del Corpo di Polizia della Città metropolitana (che svolgevate anche la funzione della vigilanza ittico-venatoria) e ha contestualmente istituito il “Servizio di Polizia metropolitano”, rivolgendolo ad attività di polizia amministrativa senz’arma.
La configurazione di un simile servizio, molto lontano dalla concezione di vigilanza venatoria che viene svolta nelle campagne con la principale funzione della repressione del bracconaggio, fa comprendere come la vigilanza venatoria, di fatto, sia un servizio che la Città metropolitana non svolge. A tutto questo si aggiunga la situazione degli addetti alla vigilanza provenienti dalle Associazioni venatorie, agricole e di protezione ambientale, i cui decreti sono in scadenza e non comprendono più chi sia il loro riferimento istituzionale per procedere al rinnovo.
La questione investe non solo il corretto svolgimento dell’attività venatoria , ma anche la sicurezza dei territori. Considerato che la Regione è ente che può legittimamente farsi carico della funzione regionale di controllo e che sul punto si è pronunciata la Corte Costituzionale, ribadendo che “l’esercizio delle funzioni a suo tempo conferite deve essere correttamente attuato”, ho presentato quindi la mia interrogazione in Regione per chiedere chiarezza.

Lo dichiara Barbara Mazzali, consigliere di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia

 

 

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Beretta – fra tradizione e innovazione

Beretta – fra tradizione e innovazione Beretta – un mondo da scoprire ……. Beretta fra tradizione e innovazione – un video dedicato alle eccellenze del mondo Beretta. In Beretta 2 abbiamo visto e descritto i nuovi fucili di alta gamma, doppiette e sovrapposti. Poi l’atelier degli incisori, dove la capacità e la professionalità sono alla base di tutto. Infine il […]

Il Casottone dei Nani

Il Casottone dei Nani Azienda agrituristico venatoria “Il Casottone dei Nani” – A Lodi questa bella realtà di caccia che abbiamo avuto modo di visitare e “provare” attraverso una cacciata a fagiani. Un ambiente ben strutturato dove si è creato l’habitat adatto per la selvaggina da penna. Si pratica la caccia alla francese per squadre di cacciatori o anche singoli. […]

Sasselli e cesene nella tormenta

Sasselli e cesene sull’Appennino ligure Sasselli e cesene nella tormenta . Su a 1600 mt , sull’appennino ligure con Manuel e Simone in una fredda mattina di novembre, dove vento e neve ghiacciata hanno fatto da cornice alla nostra bella mattina di caccia. Con una batteria di 40 richiami vivi che cantavano abbiamo atteso l’arrivo di sasselli e cesene. Un […]

Le allodole di Ferruccio

Le allodole di Ferruccio– Un video dedicato alla passione per la caccia alle allodole in Lombardia. ferruccio e Giuseppe ci hanno ospitato nel loro appostamento nella bergamasca. Una notevole batteria di richiami posizionati in modo da attirare questo migratore a terra. Una tipologia di caccia diversa da come siamo abituati a vedere, dove la tendenza è appunto quella di colpire […]