Cinghiali : La Fedecaccia di Bergamo invita i tesserati a sospedere ogni controllo

 

Cinghiali: una questione che va risolta !

L’Avv. Lorenzo Bertacchi, Presidenete provinciale della FIDC orobica, è intervenuto  commentando sul sito della FIDC di Bergamo i procedimenti penali della Procura di Brescia sul contrenimento dei cinghiali, ricordando come le uniche figure ideonee ammesse ad esercitare tale controllo , con la Polizia Provinciale,  sarebbero gli agenti dei Carabinieri Forestali , gli agenti della polizia locale muniti di licenza di caccia e i i proprietari e conduttori dei fondi muniti di licenza di caccia e limitatamente ai fondi di loro competenza.

Ricordiamo che nei giorni scorsi  il Giudice per le Indagini Preliminari ha deciso di non sospendere in via cautelare il comandante della Polizia Provinciale di Brescia, i suoi ufficiali e i dirigenti dell’Ufficio Territoriale Regionale in seguito alle accuse relative proprio al piano di contenimento dei cinghiali. La richiesta del Pubblico Ministero è stata quindi rigettata. Tutto è nato dagli illeciti scoperti da un’inchiesta dei Carabinieri Forestali di Vobarno , in Val Sabbia (BS).  Un’indagine che ha coinvolto anche il presidente della Provincia, Pier Luigi Mottinelli, un funzionario dell’ex Ufficio Caccia e il Presidente dell’Ambito Territoriale di Caccia “Unico” Oscar Lombardi. 

Su questo era già intervenuta in maniera energica anche la Federcaccia bresciana sul proprio sito web  attraverso il “Cacciapensieri”  settimanale –  http://www.federcacciabrescia.it/2018/07/05/controllo-dei-cinghiali-giustizia-riforme/

 

Questo l’articolo comparso sul sito della FIDC di Berbamo 

CINGHIALI, FEDERCACCIA BERGAMO INVITA I SUOI ISCRITTI A SOSPENDERE OGNI INTERVENTO DI CONTROLLO DELLA FAUNA

 

 

Avv. Lorenzo Bertacchi Presidente Federcaccia Bergamo

Alla luce dei procedimenti penali avviati dalla Procura di Brescia e tutt’ora pendenti, nonché delle pronunce della Corte Costituzionale che ha dichiarato l’illegittimità delle disposizioni regionali di altre Regioni (del tutto identiche a quelle vigenti in Regione Lombardia) che hanno ammesso il ricorso a figure diverse rispetto a quelle previste dalla Legge 157/92 art. 19 per il controllo extravenatorio della fauna selvatica ed inselvatichita per prevenzione e contenimento dei danni, non posso che invitare tutti gli operatori faunistici iscritti all’Associazione a sospendere ogni intervento di controllo della fauna sino a che non interverrà una modifica dell’impianto normativo nazionale o comunque un chiarimento che metta gli operatori stessi al riparo da conseguenze.

Ricordo che secondo la legge nazionale le uniche figure ammesse ad effettuare il controllo al fianco della Polizia Provinciale sarebbero gli agenti del Corpo Forestale dello Stato, gli agenti della polizia locale muniti di licenza di caccia e i proprietari e conduttori dei fondi muniti di licenza di caccia e limitatamente ai fondi di loro competenza. La rigida applicazione della legge 157/92 mette a serio repentaglio l’impegno degli operatori faunistici, che rischiano di vedersi contestato l’esercizio della caccia in periodo di divieto e l’uso di mezzi vietati, oltre che in taluni casi la caccia in oasi di protezione e comunque in territorio vietato alla caccia: contestazioni che comportano la sospensione della licenza, sanzioni penali e, in caso di abbattimenti, cospicui risarcimenti. Senza dimenticare la dichiarata illegittimità della previsione di lasciare le spoglie dei capi abbattuti agli operatori, foss’anche a titolo di ristoro dei danni o di rimborso delle spese sostenute.

La netta presa di posizione della Corte Costituzionale e della Procura della Repubblica bresciana mettono peraltro in allarme in ordine alla eventuale copertura assicurativa (sia per responsabilità civile sia per infortunio sia per tutela legale): se sino ad oggi la prescrizione della nostra Legge Regionale pareva dare ampia garanzia per la operatività delle polizze venatorie in essere anche ai fini delle attività di controllo, l’illegittimità di tali operazioni data ora per pacifica in base alla Legge Nazionale potrebbe far sollevare obiezioni da parte della Compagnia Assicuratrice.

Tanto premesso il sottoscritto, in qualità di Presidente dell’intestata Associazione e in tutela dei propri associati sinora impegnati negli interventi di controllo, invita i propri iscritti abilitati a non partecipare ad attività di controllo, invita i Comitati di Gestione e la Polizia Provinciale ad astenersi dal coinvolgere cacciatori e gli agenti di vigilanza volontaria (per quanto muniti di abilitazione quali “operatori faunistici”) per gli interventi di contenimento. Stando alla lettera della Legge 157/92, alla nutria (espunta dalle specie di fauna selvatica oggetto di tutela) non si applicano le norme della legge stessa e, pertanto, i relativi interventi di contenimento, controllo ed eradicazione resterebbero salvi. Invito Regione Lombardia e Provincia di Bergamo, per quanto di competenza, ad intervenire con l’adozione degli opportuni provvedimenti amministrativi. Auspico che tutte le parti interessate, politiche e di categoria, si facciano al più presto parte attiva per sostenere l’indifferibile modifica della Legge 157/92, volta a consentire l’intervento di personale appositamente formato per il contenimento di specie quali cinghiali, piccioni e cornacchie, sia per ragioni di contenimento dei danni all’agricoltura e alla biodiversità sia per ragioni di sicurezza.

Il Presidente Provinciale di Federcaccia Bergamo

Lorenzo Bertacchi

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Beretta – fra tradizione e innovazione

Beretta – fra tradizione e innovazione Beretta – un mondo da scoprire ……. Beretta fra tradizione e innovazione – un video dedicato alle eccellenze del mondo Beretta. In Beretta 2 abbiamo visto e descritto i nuovi fucili di alta gamma, doppiette e sovrapposti. Poi l’atelier degli incisori, dove la capacità e la professionalità sono alla base di tutto. Infine il […]

Il Casottone dei Nani

Il Casottone dei Nani Azienda agrituristico venatoria “Il Casottone dei Nani” – A Lodi questa bella realtà di caccia che abbiamo avuto modo di visitare e “provare” attraverso una cacciata a fagiani. Un ambiente ben strutturato dove si è creato l’habitat adatto per la selvaggina da penna. Si pratica la caccia alla francese per squadre di cacciatori o anche singoli. […]

Sasselli e cesene nella tormenta

Sasselli e cesene sull’Appennino ligure Sasselli e cesene nella tormenta . Su a 1600 mt , sull’appennino ligure con Manuel e Simone in una fredda mattina di novembre, dove vento e neve ghiacciata hanno fatto da cornice alla nostra bella mattina di caccia. Con una batteria di 40 richiami vivi che cantavano abbiamo atteso l’arrivo di sasselli e cesene. Un […]

Le allodole di Ferruccio

Le allodole di Ferruccio– Un video dedicato alla passione per la caccia alle allodole in Lombardia. ferruccio e Giuseppe ci hanno ospitato nel loro appostamento nella bergamasca. Una notevole batteria di richiami posizionati in modo da attirare questo migratore a terra. Una tipologia di caccia diversa da come siamo abituati a vedere, dove la tendenza è appunto quella di colpire […]