Bracconaggio: c’è l’accordo con il tavolo Stato-Regioni.

BRACCONAGGIO:  trovato un accordo che metterà a dura prova la pratica venatoria . Inasprimento di controlli e sanzioni.
adorno3_defTutto nasce da una minaccia d’infrazione europea equivoca, un Eu Pilot (EU Pilot 5283/13/ENVI) falso e fuorviante che, come al solito, in maniera inequivocabile è stato strumentalizzato dall’ ISPRA che intende l’Italia come il paese dove il bracconaggio regna sovrano. Infatti secondo i dati Ispra in Italia  si abbatterebbero illegalmente, qualcosa come 18 uccelli per km quadrato l’anno e sappiamo bene che si tratta di stime approssimative fornite dalla LIPU.   Infatti non si capisce come Ispra che non fornisce da un decennio i dati sulla migratoria sia in grado, di colpo, di stabilire quelli che riguardano il bracconaggio o il prelievo illecito della fauna nazionale.
Fatto è che  è stato trovato laccordo sul Piano d’azione nazionale per il contrasto degli illeciti contro gli uccelli selvatici, approvato dalla Conferenza il 30 marzo scorso su proposta del Ministero dell’Ambiente.  bracconaggio-2
Un piano antibracconaggio del quale se ne parlava da tempo e che ora, con qualche modifica, trova la sua consacrazione. Presto se ne occuperà il Parlamento e entro 24 mesi, preso atto delle modifiche, diventerà Legge.
Ci sarà un inasprimento dei reati venatori con l’introduzione di nuove misure e regole sanzionanbili che ricaderanno in maniera significativa sulla pratica venatoria.
Non è stata accolta la proposta di trasformare le guardie venatorie in agenti di Polizia Giudiziaria, che avrebbe offerto loro ampi poteri e è stata cancellata anche l’idea di vietare il commercio di tutti i richiami elettromagnetici, che avrebbero punito il mercato e chi pratica attività ambientalista.
Tra le novità di questo Piano anche:
  •  assegnare alle Regioni il sevizio di vigilanza ittico-venatoria
  • sanzione accessoria con il ritiro definitivo della licenza di caccia per i reati penali
  • sanzione accessoria con la sospensione della licenza di caccia per i reati amministrativi
  • divieto di detenzione di richiami elettroacustici nel corso dello svolgimento delle attività di caccia e in tutte le fasi preparatorie della stessa, incluso l’addestramento cani
  • divieto di detenzione di munizioni contenenti piombo nei luoghi di caccia in cui tali munizioni non sono consentite
  • aggiornamento del quadro sanzionatorio per gli illeciti contro la fauna sulla base dell’entità dei ricavi illeciti che si possono trarre dall’attività illegale e al danno arrecato alla biodiversità
  • trasformare in delitti le fattispecie più gravi oggi reati contravvenzionali (ad esempio lettere a), b), c), d), e), comma 1, dell’articolo 30 della legge n.157/92.
 La lotta al bracconaggio passerà anche attraverso altre introduzioni come:
  • la formazione dei magistrati che dovranno essere aggiornati in materia
  • uniformazione delle competenze da attribuire alle guardie venatorie volontarie
  • maggiori controlli nell’ambito della ristorazione e sugli allevamenti
  • maggiori controlli sull’importazione e il commercio degli uccelli selvatici destinati al consumo umano
  • armonizzazione delle regolamentazioni regionali in materia di caccia
  • rafforzamento della tracciabilità degli animali detenuti ( richiami vivi ecc.)
  • campagne di sensibilizzazione per i cittadini …. che dovranno segnalare le irregolarità compiute
  • incoraggiare i comportamenti virtuosi, premiando  ( non si sa come)  i cacciatori che si atterranno alle regole e concoreranno alle forme di gestione attiva (Es. svolgendo attività di guardia volontaria).

 

bracconaQuesta una sintesi del piano antibracconaggio approvato che propone tutta una serie di paletti e limitazioni atti a sfoltire la pratica venatoria nel nostro paese

 

Apri il file e leggi il documento ufficiale:   piano-bracconaggio-2017-approvato

C&D

 

 

Condividi l'articolo sui social!

3 Commenti

  • Filippo Grumi

    Che ci si metta a discutere su un documento redatto dalla LIPU è assurdo. Non si doveva nemmeno entrare nel merito, la LIPU non è un ente scientifico (come una UNIVERISTA’), è una associazione di parte!! Immaginiamoci cosa sarebbe successo a parti inverse…

  • MARCO

    Pur condannando il bracconaggio (quello reale però), mi domando se per la Presidenza del Consiglio dei Ministri sia oggi una vera priorità per il paese e per la classe politica! Considerato poi la grave difficoltà economica in cui lo stato versa, non sarebbe forse meglio destinare tutte queste energie e risorse ad altri temi veramente prioritari, come ad esempio la sicurezza del cittadino nelle proprie case?
    Leggendo poi il documento si scopre che:
    1- tra le fonti di informazione utilizzate (?) per redigere questo piano antibracconaggio viene citato anche il fantomatico CABS , sulla cui chiarezza mi pare ci siano molti punti oscuri
    2- si continua a fare riferimento al circuito della ristorazione quando lo spiedo mi pare sia illegale da 2 anni
    3- si vogliono includere nel tema bracconaggio anche il mancato rispetto delle regolamentazioni del prelievo venatorio.

    Le associazioni cosa fanno in proposito?

  • Costantino Dolfini

    NO Assoluto al bracconaggio, ma quello vero!!!! Però vista la scarsa propensione del cacciatore(in generale) all’autocontrollo, diventa necessaria un’azione di vigilanza, fatta con intelligenza, soprattutto a scopo preventivo non solo punitivo. Non concentriamoci sempre sulla povera allodola di cui sono permessi numeri esigui e poi all’estero ne pigliano a centinaia. Dedichiamoci di più al bracconaggio pesante, perché ci sono ancora cacciatori che si impegnano per salvaguardare e aiutare la riproduzione della selvaggina stanziale e ci sono ancora degli stupidi che cacciano la lepre di notte con i fari o il fagiano e la pernice dal finestrino della macchina girando sulle stradine di campagna. Ma mi domando chi farà questi controlli visto che la Polizia Provinciale è stata smantellata? Forse le Guardie volontarie se potessero essere gestite e coordinate dall’ATC stesso(sempre con intelligenza)

Lascia un commento

required

required

optional


Apertura alle anatre nel Mantovano

Apertura alle anatre nel mantovano Caccia e Dintorni ha dedicato l’apertura della nuova stagione ad una mattinata di caccia alle anatre da campo con gli amici Elia e Marco. Senza richiami vivi ma solo con passione e tecnica . Un bel video da vedere Condividi l’articolo sui social!

Fiera della caccia di Gussago

 Fiera della caccia di Gussago   A Gussago (Brescia) la 72ma edizione della Fiera della caccia. La manifefestazione fieristica organizzata dalla sezione locale della Federcaccia ad una settima esatta dall’apertura della stagione venatoria ha richiama il pubblico delle grandi occasioni e per noi di Caccia e dintorni è stata l’occasione per intervistare l’Assessore regionale all’ Agricoltura Fabio Rolfi, che ci […]

Richiami per anatre un mondo da scoprire

Richiami per anatre Caccia & Dintorni in collaborazione con Stefano Penazza ha voluto realizzare questo video dedicato ai richiami per acquatici. Nel laboratorio di Stefano abbiamo documentato tutte le fasi della realizzazione di un richiamo. Siamo partiti dalla scelta del legno, la foratura, la sgrossatura al tornio …. fino alla prova conclusiva del suono. Ogni richiamo è un pezzo unico, […]

Caccia al capriolo alla Baraggia con il Franchi Horizon

Caccia al capriolo alla Baraggia con il Franchi Horizon Con noi Giulia Taboga e Andrea Cavaglià, i due giovani testimonials di Franchi   A far da cornice per questo video è l‘azienda agroturistico venatoria La Baraggia del nostro amico Antonio Orizio. Con Giulia Taboga e Andrea Cavaglià , testimonial di Franchi, abbiamo presentato la nuova carabina Horizon di Franchi nel […]